I tendini flessori delle dita e del pollice sono racchiusi in una guaina tenosinoviale

specializzata, che si estende dal palmo distale all'articolazione distale

Le infezioni di questo spazio possono originare da una ferita

punteria o possono estendersi alla guaina da un'infezione più superficiale.

Queste infezioni sono, in sostanza, un ascesso e sono rapidamente progressive,

richiedendo una pronta diagnosi e terapia.

I pazienti si presentano tipicamente con una storia di recente ferita punteria

alla superfìcie flessoria del dito o del pollice. Il progressivo gonfiore di tutto il

dito e il dolore si sviluppano 24-48 ore dopo il trauma.

I segni di una tenosinovite settica dei tendini flessori instaurata includono:

l) gonfiore fusiforme del dito; 2) dolorabilità importante lungo il decorso

della guaina tendinea; 3) un significativo aumento del dolore alla estensione

passiva del dito; 4) la posizione in flessione del dito a riposo. Radiografìe standard possono evidenziare gonfiore dei tessuti molli o, raramente, un corpo estraneo o aria sottocutanea.

DIAGNOSI DIFFERENZIALE

Sinovite asettica del flessore (gonfiore, dolorabilità, colture batteriche negative).

Cellulite (dolore scarso o assente con motilità attiva del dito).

COMPLICANZE DELLA PATOLOGIA

Queste infezioni procedono rapidamente; sono possibili, infatti, complicanze

come la perdita cutanea o di tutto il dito. Altri problemi includono importante

rigidità dovuta ad aderenze e prossimalizzazione dell'infezione o coinvolgimento

dell'osso e dell'articolazione.

TRATTAMENTO

Se si sospetta una tenosinovite infettiva, ma il gonfiore non è grave, andrebbero

somministrati antibiotici parenterali, e il paziente rivalutato dopo 12-24

ore. La copertura dovrebbe comprendere sia gli Staphilococcus che gli Streptococcus.

Se vi è risposta alla terapia antibiotica parenterale, questa dovrebbe

essere continuata per 24-72 ore e quindi passata a terapia per os per ulteriori

7-14 giorni. Se il paziente presenta una tenosinovite flessoria purulenta stabilizzata

o se l'infezione procede o se non vi è risposta alla terapia antibiotica,

è indicato l'invio dallo specialista per drenaggio urgente.

COMPLICANZE DEL TRATTAMENTO

Può persistere rigidità del dito, nonostante l'efficace trattamento della tenosinovite

settica. I pazienti con tenosinovite settica stabilizzata e coloro che non rispondono

alla terapia antibiotica sono candidati a una rivalutazione per un eventuale

intervento chirurgico eseguito da uno specialista di CHIRURGIA DELLA MANO, che oltre a conoscere i rapporti anatomici sa quello che deve fare in certi casi non complicando i risultati

Video

DITO A SCATTO

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già state impostate. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information