I CRAMPI SOTTO MANO!

image001

 

I crampi muscolari sono contratture involontarie, improvvise e dolorose, di un muscolo o di un gruppo di muscoli. Il disturbo è caratterizzato da un dolore acuto, da una fitta intensa, che spesso immobilizza la parte colpita: il muscolo è contratto e rigido, ma non è gonfio né dolente; dura pochi minuti e scompare da solo, senza alcuna conseguenza. Quando il crampo compare durante uno sforzo, la persona deve interrompere subito, quello che sta facendo. In genere, i muscoli più colpiti sono quelli delle gambe, meno di frequente sono coinvolti i muscoli delle mani e dei piedi. Le cause che provocano i crampi sono numerose, ma quelle più importanti sono due: i fattori che riducono o modificano il flusso di sangue al muscolo e l’accumulo di sostanze tossiche, in particolare l’acido lattico. Tale situazione si può verificare in seguito alla fatica che deriva durante oppure dopo un esercizio fisico intenso o al termine di una camminata molto lunga. In questi casi, il disturbo è la conseguenza di un accumulo a livello dei muscoli colpiti di acido lattico e di un insufficiente apporto di ossigeno rispetto al lavoro svolto dal muscolo. In altre parole lo sforzo prolungato ed eccessivo non permette ai muscoli di effettuare i normali scambi di sostanze, liberandosi di quelle tossiche e ricevendo in cambio ossigeno. Anche il freddo può essere pericoloso. A volte i crampi ai muscoli possono comparire di notte e a riposo: in questi casi spesso sono le conseguenze della presenza di altri problemi come: i disturbi della circolazione; l’ipocalcemia, cioè la ridotta concentrazione di calcio nel sangue, che può avvenire in seguito ad alterazioni delle paratiroidi.; la gravidanza, durante la quale gli elettroliti subiscono delle modificazioni. Quando si è colpiti da un crampo, la prima cosa da fare è massaggiare la zona interessata, in modo da distendere il più possibile il muscolo. Infatti il massaggio permette di eliminare velocemente più acido lattico, attraverso una aumentata circolazione del sangue. Inoltre , è meglio massaggiare la zona dolorante con olio canforato, perché facilita una migliore circolazione e rilassa più facilmente i muscoli. Poi, per cercare di ridurre l’intensità del dolore, è utile applicare una borsa di acqua fredda oppure un po’ di ghiaccio, avvolto in un panno. Attenzione: se il raffreddamento avviene in maniera troppo rapida può essere dannoso, perché può dare il via a una contrattura da freddo intenso. Infine, se il crampo non è passato e il dolore non si è ridotto, si può ricorrere ai movimenti di “stretching”, cioè alla distensione manuale dei muscoli, meglio se con l’aiuto di un’altra persona. E’ importante effettuare queste manovre in maniera dolce e graduale, perché un movimento troppo brusco potrebbe aggravare la contrattura del muscolo invece di favorire il suo rilassamento. Quando il dolore è sparito oppure si è attenuato, parecchio, è bene tenere l’arto colpito a riposo per un po’ di tempo, prima di riprendere le attività normali. Nella maggior parte dei casi, i crampi non sono causati da vere e proprie malattie e di conseguenza non è necessario andare dal medico. Invece una visita medica può essere utile se. I crampi compaiono con una certa frequenza, se si fanno sentire di notte. Se il dolore persiste anche nei giorni successivi, è il caso di ricorrere ai farmaci antinfiammatori (acido acetilsalicilico, nimesulide, indobufene per pochi giorni) e miorilassanti. A volte la comparsa dei crampi può essere prevenuta seguendo una dieta ricca di alcuni Sali minerali in particolare di sodio, potassio e calcio. Ne sono ricche le banane, la frutta e la verdura, lo yogurt, il latte e i formaggi magri. Anche l’acqua è importante combatte la disidratazione, evitando in questo modo la comparsa di crampi ai muscoli. E’ consigliato berne almeno un litro e mezzo al giorno.

 

 

 

 

 

Video

DITO A SCATTO

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già state impostate. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information