Le Patologie della Mano nell’ARTE

Le Patologie della Mano nell’ARTE!!!

Sebbene la Reumatologia e la Chirurgia della Mano siano discipline che hanno assunto una fisionomia autonoma solo nella metà del secolo scorso, riferimenti ai loro contenuti dottrinari ricorrono già nel tempo passato. Già nella Scuola di Cos compaiono termini come “Arthron” e “Artritikos”, riferiti ai dolori articolari in genere. Il ruolo pittorico delle mani, oltre a consentire di percepire il messaggio dell’autore, come specialista della Chirurgia della Mano mi stimola a ricercare spunti di patologia articolare nei quadri dei vari musei che ho girato o sui libri di storia dell'arte. Alcuni dipinti dei Vecchi Maestri sono una interessante fonte di notizie sulle malattie reumatiche. E’ possibile riscontrare in molte opere d’arte prima del 1800 immagini con artropatia cronica. Mani con “deformità” e tumefazioni articolari sono segnalate in un dipinto di J. Rombants del 1500, e nel quadro di Erasmo da Rotterdam, affetto da artrite cronica. Anche in un “Ritratto di Giovane” del Botticelli (1483) è riscontrabile una patologia reumatica alle mani. Dequeker nel 1984 ha segnalato in un quadro di Botticelli, “La nascita di Venere”, la tumefazione delle articolazioni interfalangee prossimali e la deformazione a “salsiciotto “ del II dito della mano sinistra. Si possono notare e segnalare deformità della mano nell’autoritratto di Michelangelo, riferibili ad una evidente rizoartrosi e artrosi metacarpofalangea di verosimile origine “professionale”. Riferimenti pittorici alla rizoartrosi, ai noduli di Heberden e di Bouchard sono riscontrabili, secondo A. Castillo, nella pittura madrilena del 1600. Bisogna tenere presente, però, che le mani, espressione pittorica del sentimento, secondo la Scuola Manieristica, non sempre assolvono questa funzione ma riproducono realtà oggettive, come ad esempio, la sindattilia riscontrabile nel ritratto di Erasmo. Il “Reumatismo” ha radici storico-conoscitive nel passato letterario e artistico in genere, per cui il loro richiamo letterario è in genere appropriato e, talvolta dettagliato da parte di scrittori sin dal Medio Evo. ( Moliere, La Fontaine, Balzac, De Sévignè).
Altri contributi vengono dalla biografia di personaggi celebri come il Papa Costantino IX (980-1055). Infatti viene riferito che all’età di 63 anni soffriva di una poliartrite, in particolare, delle dita delle mani. E’ evidente che deve essere esercitata la massima cautela nell’interpretazione dei dati forniti dalla pittura e scultura del passato. Le mani, spesso veicolo espressivo del messaggio che l’autore vuole dare, possono non rappresentare una prova scientifica dell’esistenza di una malattia reumatica.
L' artrosi è un'affezione degenerativa articolare, a etiologia ignota, a insorgenza mono o poliarticolare, caratterizzata da progressiva distruzione della cartilagine a cui consegue formazione di tessuto osseo reattivo. La passione per la Chirurgia della mano, sorta alla fine degli anni universitari e aver conseguito sia la specialità in ortopedia e in Chirurgia della Mano all'università di Modena, ha scatenato e fatto sorgere anche , forse deformazione professionale, una visione ed osservazione dei quadri nei vari musei visitati anche medica e da chirurgo della mano alla ricerca se quanto letto sui libri di patologie possibili nei soggetti che sono stati rappresentati da molti famosi artisti.

image002   image004

 

Video

DITO A SCATTO

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già state impostate. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information